Dipendenza da benzodiazepine

  • La dipendenza da dosi ridotte spesso non corrisponde a tutti i criteri stabiliti dall’ICD-10 per diagnosticare una dipendenza. Si pensi, ad esempio, alla situazione di un paziente geriatrico che ha assunto benzodiazepine per 15 anni come ipnoinducente (sonnifero), ma che può trovare difficile o impossibile interromperne il consumo a causa dei sintomi di astinenza e di una forte fissazione per il farmaco.
  • Una dipendenza secondo l’ICD-10 è data quando, sull’arco di un anno, la persona ha provato almeno una volta tre o più dei seguenti sintomi: 
    • un desiderio molto forte di, o una sorta di pulsione a, consumare sostanze psicotrope
    • diminuzione della capacità di controllo
    • sindrome di astinenza
    • segni di assuefazione
    • progressivo abbandono di altri piaceri o interessi
    • uso continuato della sostanza, nonostante effetti negativi evidenti
  • La capacità di indurre una dipendenza è legata alla sostanza: 
    • può essere molto elevata soprattutto nel caso di benzodiazepine a rilascio rapido e ad azione breve (cfr. Tmax e T½ nella tabella delle equivalenze), ad es.: 
      • flunitrazepam (Rohypnol®) 
      • midazolam (Dormicum®) 
      • alprazolam (Xanax®) 
      • triazolam (Halcion®) 

 

Impressum