Stampa

Disassuefazione

Mentre in passato il paziente era sottoposto a un trattamento di disassuefazione o a un cambiamento di farmaco solo se ricoverato in una struttura di cure, ora esistono diverse possibilità:

Disassuefazione ambulatoriale

La disassuefazione ambulatoriale dalle benzodiazepine è possibile, ed e sovente coronata da successo. Occorre prendere in considerazione alcuni aspetti:

Disassuefazione residenziale

Disassuefazione parziale

Le persone che combinano diversi disturbi da consumo di sostanze usano sovente le benzodiazepine in modo incontrollato e dipendente. Per i casi in cui non è possibile una disassuefazione completa, può valere la pena provare con una disassuefazione parziale. La disassuefazione parziale dal consumo di benzodiazepine in un quadro residenziale si è dimostrata particolarmente efficace per le persone che seguono una terapia con agonisti oppioidi (metadone, Subutex®, morfina ad azione ritardata o diacetilmorfina). È importante che la medicazione di agonisti oppioidi continui ad essere somministrata anche durante il ricovero.

Passaggio a benzodiazepine ad azione prolungata

Molti pazienti non possono rinunciare alle benzodiazepine. In questi casi è importante sostituire le benzodiazepine ad azione breve con benzodiazepine ad azione prolungata. Il passaggio alle sostanze ad azione ritardata (alprazolam, diazepam o clonazepam) deve avvenire secondo lo schema riportato nella tabella delle equivalenze

 

Impressum