Effetti collaterali / Interazioni 

  • Un sovradosaggio, voluto o meno, può comportare una serie di effetti collaterali: 
    • forte sedazione, atassia, letargia, stati confusionali, disorientamento
  • Effetti sul sistema respiratorio: 
    • Le benzodiazepine assunte oralmente influiscono solo in modo trascurabile sulla respirazione.
    • Se somministrate in vena possono provocare un arresto respiratorio.
    • Se combinate con altre sostanze sedative (ad es. alcol, oppioidi, barbiturici) possono provocare molto rapidamente un arresto respiratorio.
  • Effetti sul sonno: 
    • Le benzodiazepine ad azione breve possono accorciare il sonno e, la notte seguente, ritardarlo.
    • Le benzodiazepine ad azione prolungata provocano sovente, il giorno seguente, effetti analoghi a una « sbornia », e possono influire negativamente anche sulle funzioni psicomotorie (capacità di condurre un veicolo o di azionare una macchina).
  • Le benzodiazepine influiscono sulla percezione che la persona ha di sé e delle proprie capacità, e questo può essere particolarmente pericoloso al volante.
  • Agendo sui recettori GABA-α le benzodiazepine provocano facilmente amnesie:
    • questo effetto è molto ricercato in anestesia…
    • …ma non nella vita quotidiana (guidare un veicolo, azionare una macchina).
    • Se combinate con l’alcol, le benzodiazepine possono provocare un’amnesia prolungata, sebbene il paziente appaia completamente presente.
  • Le benzodiazepine ritardano o rendono impossibili i processi di apprendimento.
  • In caso di assunzione cronica, le benzodiazepine possono compromettere significativamente le prestazioni cognitive generali e diverse funzioni neurocognitive. Sono coinvolte soprattutto le funzioni visuo-spaziali e visuo-motorie, la velocità di elaborazione psicomotoria e di elaborazione delle informazioni, l’apprendimento verbale e le funzioni attenzionali e di risoluzione dei problemi. Questi effetti sono in parte irreversibili.
  • Diversi studi epidemiologici hanno dimostrato che l’assunzione prolungata di benzodiazepine aumenta il rischio di tumori e la mortalità.
  • Il consumo di benzodiazepine può influire sulla capacità di condurre un veicolo o di azionare una macchina; in tal caso la persona può non più essere idonea alla guida.
  • Le benzodiazepine possono scatenare, tipicamente nelle persone anziane, effetti paradossi. In tal caso occorre interromperne l’assunzione.
  • Se assunte per lungo tempo, le benzodiazepine possono causare gli stessi sintomi contro i quali sono impiegate, spingendo ad aumentarne le dosi. In tal modo, tuttavia, i sintomi non scompariranno, per lo meno a lungo termine. Questo meccDipendenza da benzodiazepine: le fasianismo porta spesso a una dipendenza.

Tossicità

  • L’indice terapeutico delle benzodiazepine è molto ampio. Non sono noti avvelenamenti in caso di assunzione esclusivamente per via orale. La tossicità delle benzodiazepine è bassa, ma aumenta notevolmente se sono assunte contemporaneamente ad altre sostanze sedative.

Controindicazioni

  • Miastenia grave
  • Insufficienza respiratoria grave
  • Insufficienza epatica grave
  • Le benzodiazepine non dovrebbero essere somministrate a persone con problemi di dipendenza (secondo il Compendio svizzero dei medicamenti). Se un medico decide di prescriverle « off-label », vanno valutati con cura i vantaggi e i rischi, nonché le disposizioni di legge.
  • Le benzodiazepine non vanno somministrate a bambini sotto i 12 anni.

Interazioni

  • Se le benzodiazepine sono combinate con alcol, antipsicotici, oppioidi, ipnotici, barbiturici e così via, l’effetto sedativo delle singole sostanze può essere maggiore e condurre a una depressione respiratoria ed eventualmente a un arresto respiratorio.

 

Impressum