Copertura dei costi

  • L’assicurazione malattie rimborsa i preparati contenenti metilfenidato alle seguenti condizioni:
    • se sono prescritti a pazienti che corrispondono ai gruppi per i quali il farmaco è omologato. Per pazienti che hanno compiuto 18 anni sono omologati solo Concerta®, Medikinet MR® e Focalin®. Se Ritalin® è prescritto a persone che hanno già compiuto 18 anni, l’impiego è considerato “off label” e, di norma, non è rimborsato.
  • la diagnosi di ADHD è pronunciata da un medico psichiatra (una parte delle casse malati accetta anche le diagnosi pronunciate da un medico pediatra);
    • il trattamento farmacologico fa parte di un più vasto programma terapeutico;
  • Nel caso di pazienti adulti, i relativi sintomi devono essere apparsi già nel corso dell’infanzia.
  • Di solito, prima di rimborsare il farmaco le casse malati pongono le seguenti domande:
    • il disturbo è stato diagnosticato sulla base dei criteri ICD-10 o DSM IV / V?
    • il disturbo si è manifestato già durante l’infanzia?
    • il trattamento farmacologico fa parte di un più vasto piano terapeutico?
  • A queste domande il medico può rispondere con una semplice affermazione, senza ulteriori commenti
  • Per Concerta® e Focalin® queste condizioni sono stabilite sotto forma di una limitazione nella lista delle specialità; questo non è invece il caso di Medikinet MR®.

Elvanse® non contiene metilfenidato, bensì lisdexanfetamina. Le casse malati coprono questo farmaco, omologato per pazienti di età compresa tra 6 e 55 anni, alle condizioni seguenti:

  • Solo se utilizzato quale farmaco di secondo ricorso per il trattamento di ADHD, ossia solo se, nel quadro di un più vasto programma terapeutico, il paziente non sopporta il metilfenidato o non risponde alla sua azione, oppure se vi sono controindicazioni.
  • La diagnosi deve essere pronunciata da un medico psichiatra e psicoterapeuta oppure da un medico pediatra con esperienza nel trattamento di ADHD. Anche la ricetta medica deve essere emessa da uno specialista di queste discipline.
  • La diagnosi deve essere posta conformemente alle direttive della bibliografia specializzata.
  • Se il paziente è adulto, i relativi sintomi devono essersi manifestati già durante l’infanzia.
  • Se la terapia è di lunga durata, dopo un anno la sua opportunità va rivalutata da uno specialista (psichiatria/psicoterapia oppure pediatria con esperienza nel trattamento di ADHD). 

 

Impressum