Gravidanza / Allattamento

  • L’impiego della cannabis a scopo terapeutico è controindicato durante la gravidanza e l’allattamento.
  • Non sono noti effetti teratogeni della cannabis.
  • Gli studi sui neonati confermano che il consumo può provocare un peso ridotto alla nascita. Non bisogna tuttavia dimenticare che questo problema è dato anche nel caso la madre consumi solo tabacco.
  • La concentrazione di THC nel latte materno può essere 8 volte maggiore rispetto a quella misurabile nel sangue materno.
  • Per quanto concerne eventuali effetti sul comportamento del neonato, i risultati non sono finora concordi. Diversi studi hanno tuttavia provato che, in caso di consumo regolare (giornaliero, o più volte la settimana) della gestante, il bambino può presentare limitazioni cognitive e affettive (ansietà, sintomi depressivi).
  • In linea di massima, il consumo di CBD è controindicato durante la gravidanza e l’allattamento. Mancano tuttavia dati scientifici in merito.

Impressum